comunicato di sostegno ai lavoratori e alle lavoratrici in lotta di Aci Informatica

Esprimiamo solidarietà e sostegno ai lavoratori e alle lavoratrici ACI INFORMATICA in lotta contro l’attuazione del DECRETO  (LEGGE 7 agosto 2015 n. 124) che porterebbe allo smantellamento del PRA (pubblico registo automobilistico) con il licenziamento di 600 lavoratori/trici aci informatica e del suo indotto (pulizie, mensa, guardiania, mantunzione).

Le lotte degli anni trascorsi, come quella contro la spending review, hanno dimostrato la compattezza di questi lavoratori/lavoratrici e come avvenne anche per il Collettivo Precari Atesia l’intento è di operare la repressione non in termini personali dei diritti dei lavorator* ma colpendo l’intero comparto con una legge del governo.
Riteniamo infatti l’atto del governo un tentativo che mira a liberalizzare il settore ma anche ad annientare una esperienza consolidata e forte di autorganizzazione che continua ad esprimere pratiche di lotta che sono da esempio per la classe lavoratrice.

In questi anni i lavoratori/trici ACI informatica sono stati presenti non solo nella fondamentale partecipazione a scioperi e manifestazioni accanto ad altre realtà lavorative (Atesia, Leroy Merlin, Sheraton, Poste, Zetema, Pulizie, Logistica  Sky, Tim) ma anche e sopratutto nell’elaborazione e nell’individuazione di modalità di lotta.

Fondamentale in tal senso è la capacità di analizzare la contraddizione capitale-lavoro come elemento centrale del sistema capitalistico e la consapevolezza della necessità di creare forme stabili di coordinamento tra esperienze di lavoratori autorganizzati.

Ciò fa si che ogni esperienza di lotta che si muove nel senso di una partecipazione autorganizzata e attiva di settori lavorativi ha visto la disponibilità da parte dei lavoratori ACI informatica nel mettere a disposizione la propria esperienza di lotta.

Una sensibilità quella di tutti e tutte i lavoratori ACI informatica che ha saputo negli anni diventare coscienza di classe. Una coscienza che è frutto non solo di un’analisi teorica ma che ha saputo nella prassi rendere esplicita la reale forza della proposta dell’autorganizzazione di proletari e proletarie.

Una proposta quindi coltivata e rafforzata in anni di lotte accanto ad altri lavoratori con la consapevolezza che contro lo sfruttamento e la distruzione generate dal capitale solamente esperienze di ricomposizione delle lotte possono portare ad un avanzamento oltre che essere già di per se espressione immediata e concreta di una diversa modalità di vivere la propria vita.

Crediamo che l’esperienza e l’analisi che caratterizzano la realtà dei lavoratori e delle lavoratrici aci informatica sia un importante patrimonio per ogni lotta che abbia come reale obiettivo il superamento dallo sfruttamento e dall’asservimento dell’uomo e della donna al capitale.
Una lotta non solo da difendere ma da riprodurre in tutti i posti di lavoro.

Assemblea per l’autorganizzazione
Assemblea di sostegno alle lotte della logistica – Roma