Comunicatino sulle iniziative NOINC dei primi di Febbraio

Dopo lo scempio sotto gli occhi di tutti del primo sub-lotto del VII invaso della discarica di Roncigliano, dopo lo scandaloso collaudo del secondo sub-lotto fatto via posta (mediante l’invio dei documenti richiesti per la banditesca operazione), dopo le allarmanti analisi delle acque dei pozzi spia attorno all’impianto, non abbiamo alcuna intenzione di fermare la lotta !

Per questo Venerdì 3 Febbraio eravamo davanti all’entrata della discarica a bloccare gli autocompattatori, al freddo e sotto la pioggia dalle ore 6:00 a mezzogiorno.

Per questo motivo Martedì 7 Febbraio si è tenuto un presidio del coordinamento contro l’inceneritore di albano davanti il comune di Albano dove era in corso la conferenza dei servizi dei sindaci del territorio.

Durante queste iniziative il Coordinamento voleva ancora una volta sollecitare risposte ai quesiti in merito alla discarica di Roncigliano.

Il sindaco Marini si è chiuso nella sua stanza senza dare segno di vita. sono passati dirigenti di comuni e ASL e “concessa” una  delegazione di due persone che  è stata rifiutata. le forze dell’ordine erano in eccesso e più o meno congelate.

Ribadiamo, quindi, ancora una volta la nostra determinazione di portare avanti una lotta in continuità e autonomia da partiti e istituzioni, in una battaglia difficile, ma ampiamente condivisa  in tutto il paese.