sanità: qualcosa si muove

SANITA’: QUALCOSA SI MUOVE

Il 14 marzo si è svolta di fronte il presidio sanitario S. Caterina la terza assemblea pubblica per promuovere l’avvio di un intervento contro le disfunzioni e le inefficienze della sanità pubblica. In particolare, in questo primo momento,la nostra attenzione si è concentrata sul malfunzionamento del servizio di assistenza domiciliare (CAD) della attuale ASL Roma2 (nata dalla fusione della Asl rmc e Asl rmb) – per pretendere ciò che leggi e decreti prevedono.. Un’assemblea determinata consapevole e che speriamo cresca ancora, che dopo avere esposto una piattaforma rivendicativa su alcune criticità – elaborata grazie ai contributi scaturiti dalle varie testimonianze di familiari e utenti del CAD – attraverso una sua delegazione ha incontrato il Direttore UOC Assistenza Domiciliare ASL Roma 2, il Direttore dei Distretti 5 e 7 e la referente CAD per le Rsa e l’Hospice sempre ASL Roma2.

La piattaforma presentata e discussa con i referenti istituzionali presenti ha individuato in 4 aree le principali carenze e criticità: Accoglienza e Orientamento, Risorse umane ed economiche, Razionalizzazione e Coordinamento del servizio di Assistenza Domiciliare, Formazione del personale. Al termine dell’incontro gli impegni assunti dalla ASL Roma2, relativamente al servizio CAD e alla nostra piattaforma sono stati i seguenti:

    Tavolo permanente di confronto tra noi Assemblea Codice Rosso e ASL Roma2 ogni 2 mesi, per verificare lo stato dell’arte in merito ai punti della piattaforma programmatica. A questo tavolo verranno all’occorrenza invitati a partecipare anche gli uffici che si occupano degli appalti per le forniture e per le convenzioni;Entro 1 mese verranno investiti di maggiori responsabilità i medici di base, che avranno l’obbligo di attivare il CAD e di veicolare agli utenti domiciliari tutte le informazioni, le procedure e i servizi loro necessari e disponibili;Creazione di un Punto Unico di Accesso per l’orientamento, l’accoglienza e le informazioni su prestazioni, visite specialistiche e servizi attivabili;Attivazione della Presa in carico del paziente e erogazione della Valutazione Multidimensionale (equipe medica e infermieristica del Cad + medico di base) entro 3 giorni;Incremento delle prestazioni di medicina specialistica, con ricaduta quindi sulle visite specialistiche domiciliari, con particolare riguardo alla neurologia, fisiatria, geriatria e cardiologia e la creazione di un servizio di diagnostica strumentale domiciliare al momento inesistente;

 

Ci è stato poi detto che si sta valutando l’ipotesi di riorganizzare la dislocazione territoriale dei CAD appartenenti ai distretti 5 e 7 spostandoli in altra sede. Su questo attendiamo maggiori ragguagli poiché non ci trova concordi una centralizzazione di servizi che comporti una riduzione dei presidi territoriali. E’ stato un importante primo momento di confronto e scambio ma, essendo ormai abituati a sentire promesse e belle parole, verificheremo nei fatti la reale disponibilità e comprensione dimostrate. Gli avvenimenti da noi riportati sono lontani anni luce dalla conoscenza istituzionale della realtà. Ritenevano incredibili le vicissitudini da noi riportate! E abbiamo messo in chiaro che la salute non è una merce e non deve esserci profitto sui malati. Le risorse economiche sono scarse ma sappiamo bene dove sono maggiormente allocate e dove quindi andare a riprenderle: case farmaceutiche, appalti, forniture e convenzioni con privati. Noi continueremo ad essere presenti, a informare il quartiere sui passi avanti, sulle criticità, sulle disfunzioni e su tutto ciò che si muove intorno alla sanità. Contattateci per ogni segnalazione e per contribuire alla lotta che stiamo portando avanti. TERREMO GLI OCCHI E LE ORECCHIE BENE APERTI PER DARE CONCRETEZZA ALLE RICHIESTE PRESENTATE ASSEMBLEA AUTORGANIZZATA CODICE ROSSO ASL ROMA2

Ci trovate il lunedì e il venerdì dalle 19 alle 21 al Nido di Vespe, via dei Ciceri 131

Ci trovate il giovedì dalle 18:30 alle 21 al Comitato di Quartiere Alberone, via Appia Nuova 357

Ci potete scrivere all’indirizzo email sanitapubblica@inventati.org

 

ascolta l’intervento di preparazione alla giornata su radio onda rossa

ascolta l’intervento di sintesi sulla giornata di mobilitazione